Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

panino alle olive nere
panino alle olive nere

Panini alle olive nere e sesamo

| 0 commenti

Ingredienti per 4 persone

150 gr di farina 00
150 g di semola rimacinata di grano duro
100 g di manitoba
150 ml di acqua
100 ml di latte
200 g di olive nere (siciliane o greche)
1 cucchiaino di zucchero
mezzo cubetto di lievito di birra (tra i 12 e i 13 g)
3 cucchiai di olio d’oliva
latte o acqua per spennellare
semi di sesamo
pepe
sale

 

Denocciolate le olive. Miscelate l’acqua al latte e riscaldare leggermente la soluzione. Sciogliete il lievito in una piccola quantità di questo liquido assieme allo zucchero. Mescolate bene le farine e setacciatele.
Fate la fontana e versate nel cratere il lievito sciolto nell’acqua e latte. Cominciate a mescolare il liquido con la farina aiutandovi con una forchetta. Continuate ad aggiungere l’acqua mista al latte e a incorporare la farina, Aggiungete lo strutto l’olio e iniziate a impastare. Lavorate fino a ottenere un impasto compatto e liscio. La quantità di liquido non può essere fissata a priori al millilitro perché varia a seconda dell’umidità dell’aria e della qualità (oltre che dell’umidità interna) delle farine, quindi regolatevi ricorrendo alla vostra esperienza e tenendo presente che la consistenza finale deve essere intermedia tra l’impasto del pane e quello della pizza. Prima di concludere l’operazione, aggiungete il sale e il pepe.
Formate una pagnotta e fatela lievitare per 1 ora in un luogo riparato, coperta da uno straccio da cucina infarinato. Poi aggiungete le olive e tornate a lavorarlo per un paio di minuti. Formate dei salsicciotti di 3 centimetri circa di diametro. Formate dei piccoli panini e fateli lievitare ancora una volta in un luogo asciutto finché non raddoppiano di volume. Spennellate la superficie di ciascuno con latte o acqua, cospargetela di sesamo e infornate a 200 gradi per circa 20 minuti, poco più o meno, a seconda del vostro forno.

Post Ricetta
Sapevi che il sesamo aiuta a ritardare l’invecchiamento? Leggi l’articolo di Gianluigi Sorto 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.