Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

Copia di tiella di verdure (2)
Copia di tiella di verdure (2)

Tiella di riso, patate e cozze

| 1 commento

Ingredienti per 4 persone

350 gr di riso arborio
800 gr di patate
1,5  kg di cozze
600 g di pomodorini rossi pugliesi
3 cipolle rosse di Tropea
2 cucchiai di pecorino grattugiatO
abbondante battuto di prezzemolo e aglio

Lavate bene le cozze e mettetele a spurgare dalla sabbia per un paio di ore in acqua e sale. Sciacquatele e mettetele sul fuoco dentro a tegame assieme a uno spicchio di aglio e a un mazzetto di prezzemolo, senza acqua e coperte. Fatele cuocere per circa 5 minuti mescolandole ogni minuto, questo tempo è sufficiente a farle aprire. Scartate quelle che non si sono aperte e sgusciatele tenendone qualcuna con le valve per la guarnizione. Filtrate l’acqua che si è depositata nel fondo del tegame attraverso un colino ricoperto di un tovagliolo bianco bagnato e riservatela perchè‚ la adopererete al posto del sale.

Lessate le patate in abbondante acqua bollente e salata, lasciatele raffreddare, pelatele e tagliatele a fette di 1/2 cm di spessore. Cospargete di olio di oliva il fondo di una teglia rotonda e ricopritela con le cipolle affettate che cospargerete col pecorino. Sovrapponete uno strato di pomodorini tagliati a metà. I pugliesi non usano pelarli e così, con tutta la buccia, li vorrebbe la ricetta, voi regolatevi secondo il vostro gusto. Spolverate con il battuto di cipolla e prezzemolo e bagnate con un po’ di acqua di cottura delle cozze. Sovrapponete uno strato di patate affettate, la metà della quantità totale, cospargete lo strato di patate col riso, e sul riso spolverate altro battuto di prezzemolo e aglio. Pepate e formate un’altro strato con i pomodori sul quale sistemerete le cozze. Continuate con un altro strato di pomodori, anch’esso pepato, e un altro di patate al quale inframmezzerete qualche cozza col guscio.

Cospargete con 4 cucchiai di olio e con acqua di cottura delle cozze. Poi aggiungete tanta acqua quanta ne occorre a coprire appena la preparazione. Scuotete leggermente la teglia e giudicate la salinità dell’acqua. Se fosse insipida, aggiungete poco sale. Al forno a 200 gradi per 20 minuti, a 180 per altri venti.

 

Un commento

  1. Pingback: La cucina pugliese, semplice e spontaneamente gourmand - Martino Ragusa, il Blog

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.