Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

IMG_6753
IMG_6753

Parmigianella

| 0 commenti

Vi piace la parmigiana di melanzane ma la trovate un po’ pesantuccia? Ecco un modo per preparare una parmigiana semplificata e notevolmente alleggerita. La differenza principale sta nel fatto che le melanzane vengono disposte in un solo strato. Quindi non viene fatto un timballo e si abolisce il passaggio per il forno. La salsa è quella che i siciliani chiamano “a picchio pacchio” e i napoletani “sciuè sciuè”: semplici pomodori pelati aromatizzati con uno spicchio di aglio.

Ingredienti per 4 persone

2 melanzane viola
800 g di pomodori rossi da sugo
80 g di parmigiano grattugiato
foglioline di basilico
1 spicchio di aglio
pepe
sale

Scottate i pomodori per 2 minuti acqua bollente. Pelateli, privateli dei semi e tagliateli a tocchi grossolani. Scaldate in una casseruola 4 cucchiai di olio e fatevi sfrigolare lo spicchio di aglio lasciando che imbiondisca appena, ma stando attenti che non scurisca nel modo più assoluto. Quando l’aglio è appena dorato, versate la polpa dei pomodori, salate, pepate e fate cuocere a fuoco allegro per 10 minuti aggiungendo l’acqua che occorre. Verso fine cottura, aggiustate di sale, pepate e rimuovete lo spicchio di aglio.

Lavate le melanzane, tagliatele per il lungo a fette di circa ½ 1 centimetro di spessore. Fatele spurgare per un’ora in uno scolapasta dopo averle ben spolverate di sale grosso. Poi lavatele, asciugatele bene e friggetele in abbondante olio d’oliva. Quando sono ben dorate da entrambi i lati, mettetele a scolare nello scolapasta e poi ad asciugare su un foglio di carta da fritti per eliminare l’olio superfluo: non trascurare questa operazione, altrimenti le melanzane risulteranno unte. Sistemate le fette su un piatto di portata, ricoprite con la salsa a picchio pacchio, cospargete con il parmigiano grattugiato le foglioline di basilico, irrorate con olio di oliva e servite. È buona sia tiepida sia fredda.

 

 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.