Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

io martino caricatura

Vuoi sapere perché cucini male?

| 0 commenti

Se sai di cucinare bene, questo articolo non ti riguarda. Se invece ti succede di provarci, impegnarti e ottenere risultati che nel buio della tua cameretta, quando è il momento di dirsi la verità, giudichi mediocri o disastrosi, continua a leggere. Forse si può fare qualcosa.

Naturalmente i motivi dei tuoi fallimenti possono essere tanti e per individuarli dovrei conoscere te e quello che cucini. Ma posso illustrarti quella che ho individuato come la causa principale della cattiva cucina domestica.
Il problema principale è il desiderio di aderire ai modelli della cucina creativa senza conoscere le basi della cucina tradizionale. Eccoti allora a voler stupire i tuoi ospiti con un piatto di “Spaghetti all’acqua di pomodoro e all’aria di basilico” (non è una mia boutade, la ricetta è qui http://goo.gl/MieiGd ) quando, a pensarci bene, non sai fare neanche gli “Spaghetti al pomodoro punto e basta”. Magari perché la tua mamma era una donna che lavorava e passava dalla rosticceria rientrando a casa, o perché hai sempre odiato i fornelli e ti è venuta voglia adesso o per chissà quale altro motivo.

Ti sembrerà scontato e stra-ripetuto, ma è così. Non si può partire dall’ultimo piano ma dalle fondamenta. Picasso era un figurativo prima ancora che un cubista, tutti i compositori dodecafonici conoscono tutte le regole dell’armonia e del contrappunto. Cuochi creativi si diventa alla fine di un percorso. Non ci si improvvisa. Purtroppo ci sono cattivi maestri come “La Prova del Cuoco” pronti a farti credere che anche tu che non hai alcuna preparazione, se apri il frigo puoi fare un piatto creativo di successo con quello che trovi. Quello che forse non sai, è che quegli ingredienti strampalati, che il concorrente porta al cuoco del peperone e che a prima vista sembrano non azzeccarci niente gli uni con gli altri, in realtà sono stati concordati, anso ordinati dal cuoco del peperone. Ecco perché lui, che ha studiato le basi della cucina,  alla fine farà un  ottimo piatto.  Tu che sei autodidatta dell’ultim’ora, assemblando ingredienti insoliti e di moda, orecchiati alla tv o adocchiati sul web, farai una schifezza.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.