Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

IMG_1052
IMG_1052

Rifreddo nel pentolino

| 0 commenti

Il rifreddo nel pentolino è un’antica ricetta bolognese e un antipasto ricco nei giorni di festa.

Ingredienti per 8 persone

100 g di mortadella
150 g di prosciutto cotto
50 g di prosciutto crudo
600 g di fesa di vitello
300 g di arista di maiale
4 uova
50 g di parmigiano reggiano
noce moscata
pepe bianco
sale

Formate in una teglia di misura idonea (pentolino) uno strato di fesa di vitello, rompetevi sopra un uovo, badando di non rompere il tuorlo, e spolveratelo con un po’ di parmigiano. Formate un altro strato con il prosciutto cotto, aggiungete un altro uovo, il parmigiano e coprite con la mortadella. Aggiungete un altro uovo, un poco di formaggio  e coprite con  un altro strato con il prosciutto crudo. Continuate con un uovo e uno strato di arista di maiale. Se ci fossero ancora ingredienti, continuate a formare strati fino  a esaurimento.

Fate cuocere a bagnomaria per 2 ore, toglietelo dal tegame mentre è ancora caldo e mettetelo tra due piatti. Collocate un peso un peso sul piatto superiore. Tenete in frigo per 5 ore.

Filtrate il brodo che si è formato durante la cottura, versatelo in un piatto fondo mettetelo in frigo per fare una gelatina con la quale potrete guarnire il rifreddo.

 

 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.