Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

ravioli amari
ravioli amari

Ravioli amari

| 0 commenti

I ravioli amari sono una specialità trapanese e pantesca. Si chinammo amari non perché lo siano ma per distinguerli da quelli  dolci con lo zucchero. Quindi il termine equivale a “salati”. A Trapani si usa la ricotta di pecora e il prezzemolo. A Pantelleria la ricotta di vacca e la menta.

Ingredienti per 4 persone

300 g di semola di grano duro rimacinata
600 g di ricotta
foglioline di menta (o prezzemolo)
sale

Fate scolare la ricotta se on è ben asciutta al momento dell’acquisto. Mettetela in un piatto e schiacciatela bene con il dorso di una forchetta mescolandola. Tritate le foglioline di menta preferibilmente con un coltello di ceramica. Unitele alla ricotta, salate e mescolate bene. Tenete in frigo fino al momento dell’uso.
Tirate una sfoglia sottile con la farina e l’acqua e tagliatela a strisce lunghe quanto la sfoglia e larghe circa 12 centimetri (tenetele coperte con la pellicola da cucina finché non farete i raviolii perché non si secchino). Su ogni striscia di pasta disponete i mucchietti di ripieno grandi come una noce, collocandoli a 6 centimetri uno dall’altro e decentrati verso uno dei bordi.
Ripiegate a libro la striscia di sfoglia in modo da ricoprire le noci di ripieno e premete con le mani a taglio attorno a ognuna di queste per fare uscire l’aria. Pressate con le dita lungo la linea di saldatura della pasta, e tagliate rifilando con la rotella ondulata. Separate i ravioli e man mano che li preparate riponeteli su un canovaccio infarinato dove li farete asciugare per circa un’ora prima di cuocerli.

Lessateli in abbondante acqua bollente e salata, scolateli con il mestolo forato e disponeteli a strati sul piatto di portata. Condite con salsa di pomodoro e foglioline di basilico.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.