Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

san giuseppe
san giuseppe

Minestra di San Giuseppe

| 0 commenti

Molto sentita in Sicilia, la festività di San Giuseppe viene festeggiata in numerose località con la preparazione di speciali pani votivi, tavolate per i poveri, minestre rituali con le verdure di stagione. Sono celebrazioni antiche, eredità dei festeggiamenti pagani per l’equinozio di Primavera e dei riti propiziatori per una stagione agricola abbondante.
Diffuse soprattutto nei centri rurali, le minestre di San Giuseppe sono numerose e differenti tra loro. Anche se rimane comune la base di verdure di stagione (fave, piselli, finocchio selvatico), le ricette a volte persino nello stesso paese cambiano da un quartiere all’altro dello stesso paese. Fra tante proposte, non potevo che scegliere la minestra della città in cui vivo, Ribera, che in più presenta l’interessante peculiarità di mescolare insieme pasta e riso. L’insolita presenza contemporanea dei due cereali più importanti per l’alimentazione umana, non solo è rafforzativa dell’intento propiziatorio, è anche testimonianza dell’antica presenza delle risaie nelle valli adesso coltivate ad aranceti.

 

Ingredienti per 4 persone:

100 g di riso da minestra (originario)
100 g di pasta (stivaletti o bucatini spezzati o pasta mista)
100 g di fave secche
100 g di fave verdi (peso netto)
200 g di piselli (peso netto)
200 g di finocchio  selvatico 
(peso netto)
1 cipolla
2 cipollotti con tutto il verde
olio extravergine di oliva
pepe nero di mulinello
sale

Mettete a mollo le fave per una notte in acqua tiepida. Tagliate a tocchettini, come si fa di solito per un minestrone, i cavolfiori, la cipolla a tocchettini, i cipollotti (con tutto il verde) a fettine sottili. Scegliete il tenero dei finocchietti, lavateli e tritateli. Portate a ebollizione 1 litro e mezzo di acqua assieme alle fave secche ammollate e ben scolate. Portate a bollore e fate cuocere per mezz’ora. Salate e versate in pentola tutte le verdure tranne i cipollotti. Fate cuocere per 10 minuti e buttate il riso. Fate cuocere per 10 minuti e aggiungete la pasta.

Mentre il riso e la pasta cuociono, fate appassire nell’olio i cipollotti affettati a fuoco bassissimo, quindi versateli nella pentola della minestra quando la pasta è prossima alla cottura.

Quando la pasta è cotta, aggiungete pepe nero di mulinello. Servite con un filo di olio e, se piace, pecorino grattugiato.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.