Martino Ragusa, il Blog

Ricette di cucina, cultura gastronomica e divagazioni

pasta_lumache
pasta_lumache

Pasta con le lumache

| 0 commenti

I siciliani mangiano lumache di varie specie. Le specie più consumate sono: Eubania vermiculata (babbaluci), Elix pisana (babbaluceddi o picchi-pacchi), Canthareus aperta (attuppateddi), Helix adspersa (crastuna).  Questa ricetta richiede l’Eubania vermiculata.

Ingredienti per 4 persone

60 lumache Eobania vermiculata

280 g di pasta corta

600 g di patate

1 cipolla bianca media

12 pomodorini del pendolo (o ciliegia o Pachino)

olio extravergine di oliva di qualità

3-4 foglie di basilico

pepe nero

sale

Immergete le lumache già pulite in una pentola colma di acqua fredda. Appena cominciano a uscire dal guscio, mettete la pentola su fuoco lentissimo e fate raggiungere il bollore. Cuocete per circa 10 minuti. durante i quali aggiungerete il sale. Scolate le lumache e risciacquatele in acqua fredda.
Affettate sottilmente la cipolla, tritate l’aglio e il prezzemolo, tagliate le patate a dadini grandini, di almeno 2 centimetri di lato circa.
Versatevi un filo di olio in un tegame e lasciatelo scaldare. Appena è caldo, mettete a stufare a fuoco basso la cipolla. Salate e pepate. Quando è ben appassita, sfumate con il vino e dopo che è evaporato aggiungete i pomodorini lavati, tagliati in 2 o in 4 a seconda della grandezza e delicatamente strizzati per privarli dei semi e dell’acqua di vegetazione.
Fate insaporite per 5 minuti, unite l’aglio e il prezzemolo e coprite con acqua, portate a bollore e unite le patate. Fate cuocere per 10 minuti. Aggiungete le lumache e completate la cottura in altri 10 minuti.
Lessate la pasta, conditela e servitela immediatamente.

 

 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.